Booker+Paul da sballo: i Suns infilano la 7ª. Bulls, che rischio! Cavs e Pelicans ok

Phoenix ha la meglio sui Jazz. Cleveland supera New York mentre Chicago pur sciupando un vantaggio di +28 passa lo stesso a Oklahoma City. Le emozioni della notte

Simone Sandri
@simonesandri

Phoenix Suns-Utah Jazz 115-109

—  

La premiata ditta Booker-Paul si esalta contro i resti dei Jazz (30-18). Utah deve rinunciare a Mitchell, Gobert, Bogdanovic, Conley, Ingles e O’Neale ma a Phoenix prova a giocarsi le sue carte, andando però a sbattere contro la produzione di un ottimo Booker (33 punti) e la leadership del solito CP3: 27 punti e 14 assist. I Suns (37-9) accelerano all’inizio dell’ultimo quarto, piazzano un parziale di 14-2 e prendono definitivamente il possesso del match, andando così a conquistare il loro settimo successo consecutivo.

Phoenix: Booker 33 (11/22, 3/13, 2/3 tl), Paul 27, Johnson 20. Rimbalzi: Biyombo 13. Assist: Paul 14.

Utah: Clarkson 22 (5/9, 4/11, 0/1 tl), Forrest 17, House Jr., Paschall 14. Rimbalzi: Whiteside 9. Assist: Clarkson 5.

Cleveland Cavaliers- New York Knicks 95-93

Settima vittoria nelle ultime otto gare per il Cavaliers (29-19) che superano i Knicks (23-25) rischiando però più del dovuto nelle battute finali. I padroni di casa avanti di 15 lunghezze a 10’ dalla sirena abbassano il livello di concentrazione rimettendo in partita la compagine newyorchese. La squadra ospite torna in scia e nel finale ha l’occasione per completare la rimonta ma la tripla di Randle allo scadere non trova la retina. Molto buona la prova di Love il quale chiude con 20 punti e 11 rimbalzi in 24’ dalla panchina. Cleveland: Love 20 (6/12 da tre, 2/2 tl), Mobley 15, Okoro 14. Rimbalzi: Mobley 12. Assist: Garland 12.

New York:Barrett 24 (8/12, 1/4, 5/10 tl), Randle 18, Toppin 13. Rimbalzi: Noel 13. Assist: Quickley 6.

New Orleans Pelicans-Indiana Pacers 117-113

—  

I rimaneggiati Pacers (17-31) lottano a New Orleans ma alla fine si devono arrendere di fronte ai Pelicans (18-28), privi del loro miglior marcatore Ingram. Valanciunas (16 punti e 12 rimbalzi) mostra i muscoli sotto canestro, Graham (25 punti) e Hart (22) producono dal perimetro, i padroni di casa così riescono ad avere la meglio.

New Orleans:Graham 25 (3/5, 5/9, 4/4 tl), Hart 22, Valanciunas 16. Rimbalzi: Valanciunas 12. Assist: Graham, Valanciunas, Alexander-Walker 6.

Indiana: Washington Jr. 21 (7/12 da tre), LeVert 19, Duarte 14. Rimbalzi: Brissett 9. Assist: LeVert 8.

Oklahoma City Thunder-Chicago Bulls 110-111

—  

Reduci dalla brutta sconfitta contro Orlando, la squadra con il peggior record della Nba, i Bulls (29-17) arrivano al più che confortevole +28 ma decidono di smettere di giocare, i Thunder (14-33) ringraziano e con un super Gilgeous-Alexander (31 punti e 10 assist) arrivano a un passo dalla clamorosa rimonta. Alla fine Chicago, guidata da Vucevic (26 punti e 15 rimbalzi) in un modo o nell’altro riesce comunque a difendere il vantaggio e a portare a casa il successo.

Oklahoma City: Gilgeous-Alexander 31 (7/12, 2/5, 11/14 tl), Dort 16, Muscala 14. Rimbalzi: Bazley, Giddey 8. Assist: Gilgeous-Alexander 10.

Chicago: Vucevic 26 (6/11, 4/7, 2/2 tl), Dosunmu 24, LaVine 23. Rimbalzi: Vucevic 15. Assist: Dosunmu 8.

We want to thank the writer of this article for this remarkable content

Booker+Paul da sballo: i Suns infilano la 7ª. Bulls, che rischio! Cavs e Pelicans ok

Debatepost