Fede Pellegrini: “Ecco quando dirò sì a Matteo Giunta”

La coppia e il racconto di tutti i dettagli in tv: “Non vediamo l’ora che succeda, comincia un nuovo percorso”

Federica Pellegrini, ospite per la prima volta in tv insieme al compagno Matteo Giunta domenica a Verissimo, svela il periodo scelto per celebrare le nozze: “Ci sposeremo verso fine agosto. E lo faremo nella mia città d’origine, Venezia. Non pensavo che l’organizzazione di un matrimonio fosse così complicata, però siamo a buon punto”. E aggiunge: “Non vediamo l’ora che succeda: vogliamo coronare la nostra storia e iniziare un nuovo percorso insieme”. E a Silvia Toffanin che le chiede del giorno della proposta, la campionessa olimpica ricorda: “È stato un momento che non dimenticherò mai. Non mi aspettavo che la proposta arrivasse così velocemente, pensavo che dopo il mio ritiro dalle gare Matteo facesse passare più tempo”. Una storia d’amore nata a bordo piscina. Federica, infatti, ha scelto Matteo come suo allenatore nel 2014: “Ormai stiamo insieme da quasi quattro anni, ma il nostro è stato un percorso pieno di emozioni, prima solo sportive, solo dopo sono subentrati i sentimenti”.

A Tokyo l’ufficialità

—  

E racconta la scelta di ufficializzare il loro amore in diretta da Tokyo: “È stato emozionante. Dopo l’ultima gara olimpica ho deciso di liberarci e di svelare questo segreto di Pulcinella. Ora stiamo vivendo tutto alla luce del sole ed è bellissimo”. Infine, Federica Pellegrini rivela qual è la sua nuova passione dopo essersi ritirata dalle vasche: “L’adrenalina delle gare mi manca anche se mi tuffo pochissimo. Ma sto provando a fare altro e da qualche mese mi sono iscritta a un corso di ‘tessuti aerei’. È una disciplina difficile ma che mi piace molto. Mi appassiona mettermi alla prova in una cosa che non fa per me, ma l’acqua sarà sempre il mio grande amore”.

Pianeta nuoto, Azzurri a Riccione

—  

Intanto è arrivato il momento dei campionati primaverili: da sabato a giovedì, giorno dello scudetto del nuoto. Due posti per il pass mondiale con il tempo limite richiesto (vedi tabella sotto), la vittoria per assicurarsi il posto agli Europei in casa cui accederanno automaticamente tutti i qualificati per i Mondiali di Budapest. E poi la possibilità di qualificarsi ai Mediterranei, Universiadi, Mondiali ed Europei jrs. Da Riccione salperà la prima nazionale del ciclo olimpico di Parigi. I primi Primaverili dopo venti anni senza Federica Pellegrini, tutti gli azzurri che contano in acqua: da Paltrinieri alla Quadarella, sabato al debutto negli 800 della medaglia olimpica e con lei tra gli altri big Gabriele Detti nei 400 sl (opposto ai giovani) e Benedetta Pilato nei 100 rana (opposti a Martina Carraro e Arianna Castiglioni). Le parole di lancio del d.t. Cesare Butini: “Tre nazionali completamente diverse da assemblare. Una per Mondiali ed Europei, con 8 settimane per ritrovare la forma tra un evento e l’altro. Una seconda squadra per i Giochi del Mediterraneo e una terza per le Universiadi. Una situazione certamente impegnativa dal punto di vista organizzativo ma che ci consentirà di dare spazio e opportunità di competere a livello internazionale a circa 120 atleti: 34-35 ai Mondiali, 40-45 ai Giochi del Mediterraneo e 30-35 alle Universiadi. Tutto ciò comporta grande impegno e fatica in una situazione resa ulteriormente complessa dal protrarsi delle misure per la prevenzione del Covid- Saranno i primi campionati senza Federica Pellegrini. Ho avuto la fortuna e il privilegio di vederla in acqua per vent’anni, e certamente l’idea di affrontare una grande competizione senza un’atleta che ha rappresentato un punto di riferimento per almeno due generazioni di nuotatori è destabilizzante. Ma la forza del nostro movimento è che negli ultimi due decenni ha sempre saputo rinnovarsi e schierare elementi di qualità, pensiamo solo ai recenti Campionati mondiali in vasca corta. Trovare un’altra atleta di questa caratura è semplicemente impensabile e colmare il vuoto che lascia nel settore femminile non sarà facile. Ci sono dei segnali positivi che dobbiamo cogliere, dobbiamo supportare e affiancare le atlete nella loro crescita”. Infine Nicolò Martinenghi ha rinnovato con Arena.

We want to give thanks to the author of this write-up for this awesome web content

Fede Pellegrini: “Ecco quando dirò sì a Matteo Giunta”

Debatepost