Coda inesorabile, il Lecce torna in vetta. Pisa avanti col brivido, 1-1 tra Monza e Parma

Doppietta del bomber nel 3-1 all’Ascoli che riporta i salentini davanti a tutti. Un rigore ridà fiato al Frosinone

Il Lecce soffre, batte l’Ascoli nel segno di Coda (sempre più capocannoniere con 16 reti) e si riprende la vetta della B grazie al 3-1 del Via del Mare. Vittorie casalinghe anche per Pisa (3-2 con qualche patema di troppo contro il Crotone), Reggina (3-1 contro il Vicenza) e Frosinone (1-0 sul Cosenza). Pari senza reti a Ferrara, tra Spal e Cittadella. Al Parma non basta la perla di Vazquez: all’U-Power Stadium di Monza finisce 1-1.

Lecce-Ascoli 3-1

 

Gli ospiti iniziano con personalità, ma a sbloccare il match del Via del Mare è il Lecce, che passa al 24’: Pablo Rodriguez ruba il tempo alla difesa, brucia Leali e fa 1-0. In chiusura di prima frazione la squadra di Sottil sfiora il pari con il colpo di testa di Paganini: para Gabriel. Fiammata Lecce in avvio di ripresa con Ragusa, che su assist di Coda conclude a colpo sicuro: la chiusura provvidenziale di D’Orazio nega il raddoppio alla capolista. La spallata del Lecce alla partita arriva al 55’ con il solito Coda, che di tacco fa 2-0. Al 70’ lampo bianconero e gol del 2-1 con Ricci, che batte Gabriel con un sinistro potente sul primo palo. Al 94’ tris salentino con Coda, infallibile dal dischetto e sempre più capocannoniere della B con la sedicesima rete in campionato.

Pisa-Crotone 3-2

 

Dominio Pisa nei primi 45’ all’Arena Garibaldi. Il risultato cambia al 20’ grazie a Puscas, che riceve palla da Benali, dribbla Festa e deposita in porta con l’esterno. Il raddoppio arriva con Benali, che batte a rete col sinistro da posizione defilata, dopo una bella triangolazione in area con Torregrossa (37’). A fine primo tempo spazio anche per il tris nerazzurro, proprio con Torregrossa (secondo centro con la maglia del Pisa), che insacca a porta vuota dopo la respinta di Festa su cross basso. Il Crotone accorcia le distanze al 60’, con il gran destro su punizione di Mogos. Poi ci crede e trova il gol del 3-2 con la botta di Cuomo al 68’, sugli sviluppi di un calcio di punizione dalla sinistra. Ma la rimonta non si completa.

Reggina-Vicenza 3-1

 

Al Granillo parte bene la squadra di Brocchi, con il diagonale di Zonta di poco a lato dopo 2’. I padroni di casa rispondono con il destro secco di Adjapong, che accarezza il palo all’11’. La svolta al 35’, con il calcio di rigore concesso alla Reggina (fallo di mano di Brosco su destro di Folorunsho): Galabinov è glaciale dal dischetto e con il destro spiazza Contini per l’1-0. Al 40’ scena tutta per Menez, che dopo un paio di finte chiude il destro all’altezza del dischetto e firma il raddoppio per la squadra di Stellone. A inizio ripresa il pallonetto dal limite di Cortinovis (al primo centro tra i professionisti) è il tris della sicurezza (47’). Il Vicenza accorcia con il piattone di Padella a due passi dalla linea (80’).

Monza-Parma 1-1

 

Il capolavoro della serata dell’U-Power Stadium porta la firma di Franco Vazquez, che regala il vantaggio al Parma con un pallonetto da antologia intorno alla mezz’ora. Al 51’ si fa vedere il Monza con Molina, che riceve in area dalla destra il pallone del pari, ma sciupa tutto a due passi da Buffon. Altra scintilla degli uomini di Stroppa al 66’, con il sinistro a botta sicura di Dany Mota: decisivo l’intervento di Del Prato sulla linea. Il pari dei padroni di casa arriva all’87’: palla in mezzo di Ciurria e gran gol di Gytkjaer, che anticipa tutti sul primo palo.

Frosinone-Cosenza 1-0

 

Tante emozioni e nessun gol nei primi 45’ del Benito Stirpe. Al 40’ il pallone del vantaggio è sui piedi di Laura, che entra in area dalla destra e prova la conclusione a giro sul secondo palo: ottima la risposta di Minelli. All’80’ sale in cattedra Charpentier, che prima sfiora il vantaggio di testa, da posizione ravvicinata, e poi spinge avanti il Frosinone su calcio di rigore (82’), concesso per fallo di Hristov su Tribuzzi.

Spal-Cittadella 0-0

 

Partita senza reti al Paolo Mazza di Ferrara. Parte bene la Spal, ma la prima vera occasione del match è per gli ospiti dopo 8’: Alfonso alza in angolo la botta su punizione di Baldini. La risposta degli uomini di Venturato arriva dopo un paio di minuti sempre su calcio piazzato, con il destro a giro di Viviani fuori di un niente. Grande occasione per la Spal al 78’ con Da Riva: ottima la risposta con i piedi di Kastrati.

We wish to say thanks to the author of this write-up for this incredible web content

Coda inesorabile, il Lecce torna in vetta. Pisa avanti col brivido, 1-1 tra Monza e Parma

Debatepost