Dzeko, Vidal e i 9 debuttanti: parte la caccia all’impresa ad Anfield

Nella storia della Champions solo il Manchester United ha passato il turno dopo uno 0-2 interno. Contro il Psg, ma grazie al gol in trasferta che non c’è più… Stasera ci provano Brozo e compagni, all’esordio nel tempio dei Reds

Il senso dell’impresa lo danno la forza del Liverpool ma anche le statistiche e il curriculum della rosa di Inzaghi nell’Europa che conta. L’Inter stasera scenderà in campo ad Anfield per rimontare lo 0-2 del Meazza con nove (forse dieci) undicesimi che non hanno mai messo piede nel tempio dei Reds. Se a questo si aggiunge che nella storia della Champions soltanto una squadra è riuscita a passare il turno dopo uno scivolone interno di due gol (ma grazie a una regola appena andata in soffitta…), ecco che quello che cercheranno di compiere Brozovic e compagni assomiglia davvero ad un miracolo sportivo.

Ballo dei debuttanti

—  

Se Inzaghi in attacco scegliesse la coppia Lautaro-Correa e preferisse Gagliardini a Vidal per sostituire lo squalificato Barella, per tutti i titolari anti Liverpool sarebbe un ballo dei debuttanti. Nella rosa nerazzurra infatti (escludendo Kolarov, che è fuori lista) ci sono soltanto cinque elementi che hanno già giocato ad Anfield. La chioccia è Dzeko, l’unico capace anche di segnare con due maglie diverse (City e Roma). Edin è anche quello dei gol decisivi per riportare l’Inter agli ottavi di Champions dopo un decennio di limbo. La rete allo Sheriff e la doppietta allo Shakhtar hanno cambiato la storia. Vidal invece Anfield lo ha visto una volta sola. E difficilmente lo scorderà. Era infatti in campo dal 1′ in quel Liverpool-Barcellona 4-0 del 7 maggio 2019 che ha fatto storia, con i catalani annichiliti dopo il 3-0 del Camp Nou. Un Liverpool molto simile a quello di oggi, cui però quella sera mancavano gente come Salah e Firmino… Ad Anfield, quando indossavano la maglia dello United, hanno giocato pure Darmian e Sanchez. Il solo capace di abbinare gol e vittoria è Gosens, con l’Atalanta, nel 2-0 (prima rete di Ilicic) del 25 novembre 2020. Gli altri interisti invece saranno tutti all’esordio nella tana dei Reds. A conferma di come la crescita in Europa debba arrivare step by step.

Una sola volta, ma non vale più…

—  

E poi ci sono le statistiche, che spaventano quasi quanto Salah e Manè. Come detto, soltanto una squadra nella storia della Champions League (i precedenti sono 41) ha passato il turno nella fase a eliminazione diretta dopo aver perso l’andata in casa con due o più gol al passivo: il Manchester United, negli ottavi del 2018-19 contro il Psg: quello 3-1 nel ritorno però beneficiò della regola del gol in trasferta, appena andata in pensione. Se infatti l’Inter dovesse vincere 3-1 al 90′, le toccherebbero comunque i supplementari nell’inferno rosso. Peccato che in tre precedenti in Champions (gli altri due nel 2008) il Liverpool abbia sempre battuto l’Inter, senza mai subire gol. Dall’inizio della stagione 2017-18, inoltre i Reds hanno mantenuto la porta inviolata nelle partite casalinghe di Champions più di qualsiasi altra squadra (15 in 24 partite, il 63% delle volte). Non basta? Salah&C. in casa non perdono da un anno esatto (Fulham, poi retrocesso) e da allora hanno uno score di 21 vittorie e 7 pareggi. Negli ultimi mesi l’asticella si è alzata: 12 successi di fila, con appena 4 gol al passivo. Ultima squadra capace di segnare due gol ad Alisson? Il Chelsea, nel 2-2 di Stamford Bridge, il 2 gennaio scorso.

Quei bei ricordi

—  

Due precedenti però riportano a bei ricordi per i nerazzurri. Il primo è datato: la rimonta nella semifinale della coppa Campioni ’65, col famoso 3-0 dopo la sconfitta per 3-1 in Inghilterra firmato Corso, Peirò e Facchetti. Il secondo odora di Triplete. L’Inter infatti ha perso quattro delle ultime cinque trasferte contro squadre inglesi in Champions, ma l’unica vittoria è arrivata nell’ultima occasione ad eliminazione diretta, sempre agli ottavi: l’1-0 di Eto’o al Chelsea, il 16 marzo 2010, avviò la cavalcata verso la storia.

We would like to thank the writer of this write-up for this remarkable content

Dzeko, Vidal e i 9 debuttanti: parte la caccia all’impresa ad Anfield

Debatepost