Fantanews, Dzeko, Joao Pedro, Cristante le possibili sorprese della 28ª giornata

Il bosniaco potrebbe rilanciare l’attacco dell’Inter contro la Salernitana. Il brasiliano del Cagliari è a caccia di riscatto mentre il centrocampista della Roma si carica contro l’Atalanta

Mario Ruggiero

Oggi inizia la ventottesima giornata con l’anticipo Inter – Salernitana. Un turno caratterizzato dal big-match Napoli-Milan che vedrà di fronte le due squadre che comandano attualmente la classifica. Andiamo a vedere le ‘storie’ che i diversi match possono regalare nel grande libro della Serie A.

Inter-Salernitana

—  

I padroni di casa arrivano alla gara di stasera con un rendimento decisamente irriconoscibile: in tutte le competizioni sono cinque le gare senza vittorie, quattro quelle senza segnare. Appena due le reti messe a referto dall’attacco – in campionato – in questo 2022: entrambe portano la firma di Dzeko (30 milioni): è lui l’uomo su cui puntiamo. Crisi Lautaro, è a secco proprio dalla gara d’andata contro la Salernitana (0-5 del 17 dicembre) in campionato. I granata non sono più la vittima sacrificale dei primi sei mesi di campionato e possono tirare uno scherzo ai nerazzurri dopo aver fatto lo stesso ai ‘cugini’ rossoneri appena un paio di settimane fa.

Udinese-Sampdoria

—  

L’osservato speciale, in casa Udinese, è Beto (20 milioni): l’attaccante portoghese, trascinatore nel girone d’andata, non ha iniziato il 2022 nei migliori dei modi (una sola rete e tante prestazioni insufficienti). Non segna dal 9 gennaio: quasi due mesi, un’eternità per quanto ci ha fatto abituare bene. Con il ritorno di Pereyra a pieno regime potrebbe avere maggiori occasioni per far male alla difesa avversaria. Ospiti bene in casa, ma fragili in difesa: con Giampaolo sono arrivate solo sconfitte.

Roma-Atalanta

—  

Dopo il Sassuolo – squadra contro cui ha fatto gol recentemente – è l’Atalanta una delle ‘vittime’ preferite di Bryan Cristante (14 milioni), centrocampista tuttofare della Roma. Prezioso sia a livello tattico, ma anche al fantacalcio dove può essere insidioso nelle palle inattive. L’Atalanta, pur senza punte, sta tenendo botta, sorretto da un sontuoso Koopmeiners. Occhio, tuttavia, a Cristante, tra l’altro ex della sfida.

Cagliari-Lazio

—  

Rendimento da Europa League per il Cagliari nel girone di ritorno. Quindici punti conquistati dagli isolani che, in poche gare, hanno fatto decisamente meglio rispetto al girone d’andata. Da segnalare il poco feeling col gol – strano da dirsi – di Joao Pedro (30 milioni): appena una rete segnata nelle ultime dieci gare disputate. Puntiamo sulla sua voglia di riscatto. Sponda Lazio, Acerbi è pronto al ritorno da titolare dopo quasi due mesi, ma senza di lui i biancocelesti hanno retto molto bene (tre reti incassate in sei gare).

Genoa-Empoli

—  

La ‘cura’ Blessin recita cinque pareggi consecutivi per i liguri, con appena due gol subiti. L’Empoli, invece, è in una brutta striscia di risultati: dieci gare senza vittorie, equamente distribuite con cinque pareggi e cinque sconfitte. Sono solo 4 i punti conquistati dalla formazione di Andreazzoli, ex della sfida, nel girone di ritorno. Occhio alla possibilità di un penalty: Aureliano ne ha concessi, quest’anno, cinque in appena sei gare in A, una media decisamente alta. Dal dischetto si scaldano Pinamonti (23 milioni) oppure Amiri (13 milioni), pienamente ristabilito, in casa Genoa che non può fare affidamento sullo specialista Criscito, ad un passo dalla MLS.

Bologna-Torino

—  

Senza Arnautovic, il peso dell’attacco rossoblù potrebbe essere tutto sulle spalle di Barrow (22 milioni), provato da centravanti da Mihajlovic in virtù del forfait dell’austriaco: la punta gambiana è a secco da tre mesi [ultimo centro contro la Fiorentina, il 5 dicembre]. Il Torino sarà, presumibilmente, senza Milinkovic-Savic, con uno tra Gemello e Berisha a contendersi la maglia da titolare tra i pali granata.

Fiorentina-Verona

—  

Simeone (27 milioni) è così: lunghi digiuni alternati a grandi performance. Reduce dalla tripletta al Venezia, può concedere il bis anche contro la Fiorentina, con i viola che dovranno leccarsi le ferite dopo aver condotto totalmente la sfida contro la Juventus senza cavarci un ragno dal buco. La punta argentina, inoltre, è anche ex del match. Un dettaglio da non sottovalutare.

Venezia-Sassuolo

—  

Si preannuncia una gara vibrante tra due squadre che praticano un calcio offensivo. Il Venezia deve conquistare più punti possibili – in ottica salvezza – ma deve fare i conti con il digiuno di Aramu (20 milioni), a secco da otto turni. Pairetto ha concesso ben sei rigori su nove gare arbitrate: una media decisamente alta. Potrebbe esserci, quindi, l’opportunità da parte del fantasista arancioneroverde di sbloccarsi, ma occhio a Consigli che ha ben 21 rigori parati in carriera in massima serie.

Juventus-Spezia

—  

Match da non sbagliare per la Juventus che prosegue nella sua corsa per un posto al sole in Champions League: i bianconeri sono la seconda squadra ad aver raccolto più punti nel 2022 (16 contro i 18 del Napoli) in Serie A. Morata (23 milioni) è in gran spolvero con l’arrivo di Vlahovic: l’iberico è apparso decisamente concentrato e incisivo negli ultimi sedici metri rispetto ad un girone d’andata passato decisamente in sordina.

Napoli-Milan

—  

Non è decisiva perché mancano ancora parecchie giornate, tuttavia Napoli – Milan è il piatto forte di questo turno. Big-match affidato ad Orsato, arbitro dal cartellino facile. Per l’importanza della sfida e il probabile equilibrio tutti i difensori di entrambe le squadre sono da evitare. A secco da 24 turni in Serie A, Politano (21 milioni) potrebbe trovare il jolly giusto, anche perché contro il Milan trova spesso il bersaglio grosso (3 reti in carriera, terza squadra a cui ha fatto più gol dopo Genoa e Fiorentina).

We want to give thanks to the writer of this write-up for this amazing content

Fantanews, Dzeko, Joao Pedro, Cristante le possibili sorprese della 28ª giornata

Debatepost