Juric: “Abbiamo stimoli altissimi, vogliamo continuare a crescere”

Domani sera i granata affrontano la Lazio all’Olimpico: “I biancocelesti con Sarri hanno trovato una loro fisionomia, da mesi stanno facendo molto bene e ormai giocano come vuole lui: sarà quindi una gara tosta, nella quale noi dobbiamo rispondere bene”

Non inganni la classifica di assoluta tranquillità, questo Toro ha motivazioni a mille. Lo ripete più volte Ivan Juric nella conferenza della vigilia, poche ore prima di salire sul treno charter per Roma dove domani sera il Toro sarà ospite della Lazio. “Abbiamo stimoli altissimi per ripetere le buone prestazioni fatte di recente e per continuare a crescere – comincia l’allenatore del Torino, Ivan Juric -. La Lazio con Sarri ha trovato una sua fisionomia, da mesi sta facendo molto bene e ormai giocano come vuole lui: sarà quindi una gara tosta, nella quale noi dobbiamo rispondere bene”.

Obiettivo 50 punti

—  

Juric approfondisce il tema delle motivazioni, anche per sgombrare il campo da ogni possibile dubbio sul fatto che questo gruppo possa anche solo pensare a una flessione mentale, dal momento che ha una situazione di classifica buona e di totale serenità. “Guardate, la squadra fino ad ora ha dimostrato a tutti, al pubblico, a me, alla società, un grande attaccamento e una voglia di fare bene. Aggiungo che anche negli allenamenti non vedo neanche un minimo calo: alla squadra fa piacere fare una grande partita, come ha fatto contro il Milan. Non vedo, dunque, minimi segnali di rilassamento. Poi le risposte sono le partite, ma tutti stanno lavorando forte e la squadra sta giocando grande partite”. E aggiunge: “Non esiste che calino le mie motivazioni come quelle dei miei giocatori: devono stare tutti sul pezzo fino alla fine. Ma non credo che possa succedere”. Oggi il Toro ha 39 punti, gli chiedono allora se l’obiettivo per il finale di campionato possa essere quello di raggiungere quota 50. Un punteggio che permetterebbe a Juric di superare il suo record di punti in Serie A (49), ottenuto al termine del primo anno di Verona. “Io vorrei, semplicemente, che la squadra faccia più vittorie possibili, giocando bene e crescendo ancora. Tra i 47 e i 50 punti non ci cambia la vita, ci cambia la vita se fai qualcosa di più importante – sottolinea Juric -. Diciamo che non sono ossessionato da questo traguardo”.

Vojvoda, Belotti, Mandragora

—  

Juric commenta velocemente la vittoria del Toro ottenuta anche davanti al Collegio di garanzia del Coni, una sentenza che stabilisce in maniera definitiva che Atalanta-Torino si giocherà (data fissata l’11 maggio, ma con l’eliminazione dell’Atalanta dall’Europa League prende quota l’ipotesi del 27 aprile). “La situazione era chiara da sempre, non avevo dubbi sull’esito della sentenza”. Poi il discorso scivola sui singoli. Si parte da Zima, “deve crescere molto, contro il Milan si è visto: bisogna lavorare ancora di più per essere competitivi a certi livelli”. Si passa ad Ansaldi: “Non è poco brillante, finora ha giocato poco. In questo momento ho piena fiducia in Vojvoda e gioca Vojvoda”. Sanabria domani potrebbe tornare in panchina, “ha cominciato ad allenarsi con noi dopo l’infortunio”, mentre dopo il Milan Mandragora salterà anche la Lazio per un problema muscolare, “Rolando invece ricomincerà dalla prossima settimana”. Complimenti per Pobega e Ricci che “stanno crescendo e hanno retto benissimo il confronto con Tonali e Kessie, che sono di un livello altissimo”. E chiude su Belotti: “Quando sta bene è veramente forte, ma lui mi piace proprio non solo per come gioca ma per il tipo di persona che è. Come è generoso in campo lo è altrettanto anche nella vita, è il suo modo di essere: è un ragazzo di una onestà unica. Ad inizio stagione mi ha detto ‘alla fine dell’anno prenderò una decisione”, e io gli credo ciecamente. Alla fine del campionato ascolterà tutte le possibili soluzioni e deciderà. Io rimango dell’idea che è un grande attaccante: se ci fosse la possibilità che rimanga io sarei strafelice”.

We would love to say thanks to the writer of this article for this awesome web content

Juric: “Abbiamo stimoli altissimi, vogliamo continuare a crescere”

Debatepost