La versione del Bodo: “Il pugno? Solo dopo che Nuno aveva provato a strangolare Knutsen”

Il club norvegese emette un comunicato in cui afferma le sue verità: “C’è un video di proprietà dell’Uefa che spiega tutto, lo si renda pubblico”. All’arrivo a Fiumicino il volto del collaboratore di Mourinho è privo di segni

Bodo-Roma assume i contorni del giallo. Non per la partita, ma per quello che è successo dopo. Il club norvegese, infatti, non smentisce che il proprio allenatore abbia dato un pugno al preparatore dei portieri romanista, ma afferma che si è trattato di una reazione perché Nuno Santos avrebbe tentato di strangolare Knutsen. A prova di questo, dice sempre il Bodo, ci sarebbe un video in possesso della Uefa che il Glimt chiede di rendere pubblico.

IL BODO

—  

“Il comportamento della Roma è un attacco fisico a Knutsen, e un attacco sistematico ai nostri valori – dice il Bodo -. La Roma sta bombardando i media di falsità, nel tentativo di nascondere il comportamento antisportivo. Glimt sa che c’è un video dell’incidente, che mostra l’attacco a Knutsen da parte di tesserati della Roma. Il club ha visto questo video. Chiediamo che il pubblico abbia accesso a questo video di proprietà della Uefa”. Il Bodo poi continua: “Una comprovata violazione delle regole del gioco è che l’allenatore dei portieri della Roma si è posizionato illegalmente fuori dallo staff tecnico, dove ha continuamente molestato verbalmente e con dei gesti Knutsen. Abbiamo informato il quarto arbitro e il delegato in diverse occasioni. Le denunce non sono state ascoltate e l’allenatore dei portieri della Roma ha potuto continuare il suo comportamento senza ostacoli”.

la versione di knutsen

—  

A questo punto prende la parola Knutsen: “Tutto è culminato in un attacco fisico contro di me nel tunnel dei giocatori. Sono stato aggredito fisicamente. Mi ha afferrato (Nuno Santos, ndr) per il collo e mi ha spinto contro il muro. È naturale che poi io abbia dovuto difendermi”. Il Bodo prosegue nella sua ricostruzione dei fatti, annunciando che verrà sporta denuncia nei confronti di Nuno Santos: “Non c’è altra scelta che denunciarlo alla polizia sulla base dell’aggressione fisica a Kjetil Knutsen. È completamente insostenibile con un tale comportamento. Questa è una provocazione sistematica”.

LA ROMA

—  

Dal canto suo la Roma, per ora, non replica ufficialmente alle parole del Bodo. Le uniche frasi restano quelle del capitano, Lorenzo Pellegrini, nel post partita, che aveva parlato di vergogna per il pugno dato a Nuno Santos. Quel che è certo è che nessuno nega la diatriba verbale sia durante la partita sia dopo, ma nessuno del club giallorosso ha mai visto né sentito parlare del video di cui parla il Bodo. Anzi, la Roma è stupita perché fino all’una e venti, ieri notte, è rimasta a parlare con la Uefa e non c’era nessun rappresentante del club norvegese a parlare di queste immagini. Infine, il ritorno a Roma: ieri sera Nuno Santos aveva dei segni evidenti sul volto, oggi invece, sbarcato a Fiumicino, non sembrava che ce ne fosse traccia.

We would like to thank the writer of this write-up for this outstanding content

La versione del Bodo: “Il pugno? Solo dopo che Nuno aveva provato a strangolare Knutsen”

Debatepost