Lobotka: “Napoli da scudetto? Tre partite per capirlo”. Ansia per Di Lorenzo

Lo slovacco ha parlato dal raduno della sua nazionale: “Le milanesi giocano un calcio fastidioso”. Per il terzino previsto mercoledì un nuovo controllo a Villa Stuart

Difficile non rivolgere i pensieri alla lotta scudetto anche dal ritiro della propria nazionale. Specialmente per chi, come Stanislav Lobotka, non deve competere per obiettivi particolari in questa sosta. La Slovacchia infatti sarà impegnata in due amichevoli, contro Norvegia e Finlandia. “Ci sono ancora 24 punti a disposizione, la situazione è aperta a ogni scenario. Può succedere di tutto. Le prossime tre partite contro Atalanta, Fiorentina e Roma ci diranno se siamo in grado di lottare per il titolo”, ha spiegato il centrocampista del Napoli, intervistato da Sport Aktuality. La squadra di Spalletti è seconda in attesa che l’Inter, avanti negli scontri diretti, recuperi la gara col Bologna. “Le avversarie più insidiose sono le milanesi – ha proseguito il giocatore – la Juventus ha iniziato male la stagione e ora sta recuperando, ma chi sta davanti ha grande qualità. Milan e Inter poi giocano un calcio fastidioso, fatto di corsa e fraseggio e sono difficili da affrontare”.

RILANCIO

—  

Sotto la guida del tecnico toscano, suo estimatore già quando allenava i nerazzurri, Lobotka ha ritrovato la condizione ottimale che gli ha permesso di ritagliarsi un ruolo importante all’interno del progetto tecnico. “Rispetto all’anno scorso gioco molto di più, mi sento meglio sia sul piano fisico che su quello mentale. Posso dire di essermi preparato bene”, ha ammesso lo slovacco. Che poi è tornato sulla dura eliminazione dall’Europa League, subita dal Barcellona: “È sicuramente una squadra diversa rispetto a qualche anno fa, ma ha comunque tantissima qualità. Contro il Napoli ha disputato grandi partite, abbiamo fatto quello che potevamo ma si sono dimostrati oltre le nostre possibilità”.

ANSIA DI LORENZO

—  

Intanto anche il finale di stagione è caratterizzato dagli infortuni, per il Napoli. Quello che preoccupa maggiormente riguarda Giovanni Di Lorenzo, riportato dopo lo scontro di gioco con Silvestri nella sfida contro l’Udinese e che gli ha impedito di rispondere alla convocazione della Nazionale. La risonanza magnetica a cui si è sottoposto domenica ha evidenziato una distorsione al ginocchio di secondo grado, per cui dovrà osservare un primo periodo di riabilitazione. Tuttavia, assecondando la volontà comune del suo entourage e della società, il giocatore si sottoporrà domattina ad un controllo a Villa Stuart dove sarà visitato dal professor Mariani, tra gli specialisti più considerati dal club. Se anche questo controllo confermerà la prima diagnosi, comincerà il percorso di recupero che prevede delle terapie conservative nella fase iniziale. I tempi di recupero, nel caso, sarebbero stimati nell’arco di un mese, con Di Lorenzo che dovrebbe tornare a disposizione per la partita con l’Empoli del 24 aprile.

We would love to give thanks to the author of this article for this awesome content

Lobotka: “Napoli da scudetto? Tre partite per capirlo”. Ansia per Di Lorenzo

Debatepost