Sei Nazioni under 20: Italia troppo nervosa, l’Irlanda si impone 39-12

Al Musgrave Park di Cork gli azzurrini (penalizzati da tre gialli) cedono nel terzo turno

Troppa Irlanda per l’Italia Under 20, che cade al Musgrave Park di Cork per 39-12 nel terzo turno del 6 Nazioni di categoria. A complicare una partita ben preparata ci hanno pensato gli azzurrini stessi, autori di tanti, troppi falli nell’arco degli ottanta minuti. Tre i cartellini gialli assegnati all’Italia: Odiase e Ferrari nel primo tempo, Frangini nella ripresa.

Indisciplina

—  

Ben due le penalità fischiate agli azzurri nei primi minuti del match (entrambe a Rizzoli), che permettono all’Irlanda di presentarsi subito dentro i 22 avversari. Nonostante le difficoltà nel contenere l’abbrivio iniziale della maul degli irlandesi, i ragazzi di Massimo Brunello sembrano reggere il confronto tra gli avanti. In seguito a un inizio difficile, l’Italia esce dalla propria metà campo con il gioco al piede, conquistando la possibilità di segnare per prima con un piazzato di Teneggi da posizione favorevole: pioggia e vento condizionano il calcio che finisce a sinistra dei pali. Al primo capovolgimento di fronte, è l’Irlanda a colpire: Campbell rompe due placcaggi, fornendo un’ottima base per lo sviluppo dell’azione, chiusa da Gibbons in meta. Al 7-0 dei padroni di casa si aggiunge il primo cartellino del match, a causa di una reazione di Odiase ai danni del tallonatore irlandese su un punto d’incontro. Così, in pochi minuti, dal possibile 3-0 gli azzurri si trovano sotto nel punteggio e con un uomo in meno. I padroni di casa continuano a spingere e, complici altri due falli fischiati al XV azzurro, si portano sul 13-0 grazie a due piazzati di Tector. L’Italia accenna un tentativo di reazione, risultando tuttavia subito penalizzata da un’altra decisione arbitrale: capitan Ferrari prova a proteggere l’ovale, andando a colpire con l’avambraccio il volto di un avversario e vedendosi sventolare in volto un altro giallo al 36’.

La reazione

—  

Nel momento di maggiore difficoltà, ecco il carattere dell’Italia. Un Odiase in cerca di riscatto forza un tenuto nella metà campo avversaria, e gli azzurri vengono spediti dentro ai 22 grazie al sinistro di Pani. Dalla touche, la maul italiana conferma la superiorità del pack e arriva a pochi centimetri dalla meta, prima che Rizzoli concluda un multifase schiacciando il 5-13 a tempo scaduto, trasformato da Teneggi. Al rientro dagli spogliatoi, gli azzurri spingono alla ricerca della seconda meta di serata, galvanizzati dal finale del primo tempo. Tuttavia, pioggia e vento a sfavore condizionano in maniera evidente i tentativi di imbastire azioni pericolose da parte dell’Under del C.T. Brunello.

La marea verde

—  

Lo sforzo profuso dagli azzurri non produce gli effetti sperati, anche a causa della difesa avanzante dei padroni di casa. Con il passare dei minuti la spinta dell’Italia si affievolisce e, proprio come successo nella prima frazione, l’Irlanda ne approfitta subito. Devine è lesto nel trovare un buco nella guardia della difesa azzurra asserragliata sulla linea di meta, segnando il 20-7 al 57’. Per la seconda volta nell’arco del match, a una meta dell’Eire corrisponde un giallo ad un atleta dell’Italia: questa volta è il turno di Frangini. Pochi minuti dopo è McLoughlin a chiudere un’azione impreziosita da tre offload in meta, chiudendo definitivamente la partita sul 25-7. Ma l’Irlanda non si accontenta e, tra 70’ e 75’, trova la via della meta altre due volte, complice una difesa azzurra schierata male in entrambe le occasioni: Culhane e Mullins i marcatori. A ridosso del fischio finale, la reazione d’orgoglio dell’Italia, ancora sfruttando la forza e la tecnica degli avanti. I pari ruolo irlandesi non riescono ad arrestare l’avanzamento della maul azzurra, conclusa da Scramoncin per il 12-39 finale.

Gli altri risultati

—  

La Francia passa al Dam Health Stadium di Edimburgo per 17-30, chiudendo la pratica scozzese già nel primo tempo con un 18-3 a cui i padroni di casa non hanno saputo rispondere nella ripresa. Nell’altro match di serata la netta vittoria dell’Inghilterra contro il Galles: 43-14 il finale per gli inglesi, che rialzano prontamente la testa dopo la debacle di Monigo.

We would love to thank the writer of this article for this remarkable web content

Sei Nazioni under 20: Italia troppo nervosa, l’Irlanda si impone 39-12

Debatepost