Con Indian Wells via ai Masters 1000: tutti i record (di Djokovic il più prestigioso)

Il circuito, nato per contrastare il potere degli Slam e costringere i top player a prendervi parte, è il fiore all’occhiello dell’Atp

Come tradizione è il torneo di Indian Wells ad aprire il circuito dei Masters 1000. Era il 5 marzo 1990 quando dai campi in cemento della località californiana, a soli 32 km dalla più famosa Palm Springs dove il torneo aveva trovato casa dal 1976 al 1980, prese avvio il primo Masters 1000 della storia. A conquistare il torneo furono Stefan Edberg (vittorioso in finale su Andre Agassi) e la leggendaria Martina Navratilova (vittoriosa sulla ceca Helena Sukova).

Da allora il circuito, nato per contrastare il potere degli Slam e costringere i top player a prendervi parte, è il fiore all’occhiello dell’Atp: la prima tappa è sempre stata Indian Wells, la seconda Miami e due delle tre prove sulla terra sono sempre state disputate a Montecarlo e Roma. La terza tappa sul rosso invece è stata Amburgo dal 1990 al 2008, poi Madrid dal 2009 in avanti. I due tornei estivi nordamericani invece sono sempre stati l’Open del Canada (negli anni pari a Toronto e negli anni dispari a Montreal) e Cincinnati (l’edizione del 2020 fu oganizzata alla Usta National Tennis Center di Flushing Meadows). L’ottava prova invece ha avuto diverse sedi: Stoccolma dal 1990 al 1994, Essen in Germania nel 1995, Stoccarda dal 1996 al 2001, Madrid dal 2002 al 2008 e Shanghai dal 2009 in avanti. L’ultima tappa invece è da sempre il torneo indoor di Parigi-Bercy.

I nove tornei sono a loro volta divisi in quattro sotto gruppi: l’accoppiata Sunshine Double (Indian Wells e Miami) è riuscita a 7 giocatori, lo Slam rosso (il trionfo nelle tre prove europee su terra battuta) solo a Rafael Nadal nel 2010, la Summer Sweep (la vittoria nei due tornei nordamericani) ad appena 4 (Agassi, Rafter, Roddick e Nadal) e infine la Fall Sweep (il successo nelle due prove autunnali) ancora a 4 giocatori (Safin, Nalbandian, Djokovic e Murray).

Numeri e record

—  

In 32 anni di storia tante partite, di questi 9 tornei, sono entrate di diritto nella storia del tennis. La finale di Indian Wells 1991 è stata la prima finale Masters 1000 conclusa al tie-break del quinto set (vittoria di Courier su Forget); la finale di Amburgo 1994 è stata la finale più giovane (meno di 40 anni in due tra Andrei Medvedev e Yevgeny Kafelnikov); la finale di Montecarlo 1995 è stata la prima vinta da un giocatore dopo essere stato sotto di due set (Muster su Becker, con tanto di due match point mancati dal tedesco); la finale di Roma 2006 tra Nadal e Federer è stata una delle più epiche e intense partite di sempre; l’Open del Canada del 2009 è stato l’unico torneo del circuito Atp (dal 1990) con i primi 8 giocatori del mondo ai quarti di finale (Federer, Nadal, Murray, Djokovic, Roddick, Del Potro, Tsonga e Davydenko); Montecarlo 2015 è stato l’unico Masters 1000 della storia con 15 delle prime 16 teste di serie qualificate per gli ottavi di finale (Djokovic, Federer, Nadal, Raonic, Ferrer, Berdych, Wawrinka, Cilic, Dimitrov, Simon, Tsonga, Bautista Agut, Monfils, Isner e Robredo); infine Miami 2019 è stato il Masters 1000 con la finale più anziana (71 anni e mezzo tra Roger Federer e John Isner).

281

—  

I tornei Masters 1000 giocati dall’introduzione avvenuta nel 1990. Per 30 stagioni (1990-2019) si sono disputati 9 tornei a stagione, nel 2020 soltanto 3 per colpa della pandemia (Cincinnati, Roma e Bercy) e nel 2021 otto (tutti tranne Shanghai). I vincitori complessivi sono stati 72. Tra questi c’è un solo tennista italiano, Fabio Fognini, campione a Montecarlo nel 2019.

37

—  

I Masters 1000 record vinti in carriera da Novak Djokovic. Al secondo posto c’è Rafael Nadal con 36 e al terzo Roger Federer con 28. Dietro Andre Agassi con 17, Andy Murray con 13, Pete Sampras con 11 e Thomas Muster con 8. Nadal è il giocatore ad aver vinto il maggior numero di match (398 contro i 381 di Federer e i 374 di Djokovic) e quello con la miglior percentuale di partite vinte (82,7% contro 82,2 di Djokovic e 77,9% di Federer).

54

—  

Le finali record complessive giocate da Novak Djokovic (52 quelle di Nadal, 50 quelle di Federer). Per numero di semifinali invece il primatista è Nadal con 75 contro le 71 di Djokovic e le 66 di Federer. Per numero di quarti di finale Nadal è primo con 97, Djokovic e Federer secondi con 87. Per numero di tornei invece primo Feliciano Lopez con 139, secondo Federer con 138 e terzo Fernando Verdasco con 129.

6

—  

I successi record ottenuti in un anno da Novak Djokovic. Nel 2015 il serbo ha vinto i primi 4 Masters 1000 giocati (Indian Wells, Miami, Monte Carlo e Roma), poi dopo aver saltato Madrid, Nole ha raggiunto la finale all’Open del Canada e a Cincinnati e infine ha vinto gli ultimi due titoli a Shanghai e Bercy. Novak Djokovic è anche l’unico tennista della storia ad aver vinto per almeno una volta tutti i tornei Masters 1000. Il serbo infatti vanta 5 titoli a Indian Wells, 6 a Miami, 2 a Monte Carlo, 5 a Roma, 3 a Madrid, 4 all’Open del Canada, 2 a Cincinnati, 4 Shanghai e 6 a Bercy.

We want to give thanks to the author of this short article for this outstanding web content

Con Indian Wells via ai Masters 1000: tutti i record (di Djokovic il più prestigioso)

Debatepost