Medvedev n.1, Nadal di più: già 15 vittorie nel 2022, anche se McEnroe e Djokovic…

La classifica Atp incorona il russo, la Race sorride allo spagnolo, vero leader di questo inizio stagione. Un filotto di vittorie impensabile fino a poche settimane fa, durante le quali lo spagnolo preparava il rientro alle gare dopo l’infortunio

Luca Marianantoni

Nel giorno dell’incoronazione di Daniil Medvedev, 27° re nella storia dell’Atp, il vero numero 1 di questo inizio stagione non può essere che il 35enne Rafael Nadal, campione il 9 gennaio nel torneo di Melbourne su Maxime Cressy, trionfatore il 30 gennaio all’Open d’Australia dopo una epica finale di cinque set vinta proprio su Medvedev e vincitore ieri del torneo di Acapulco, con il successo su Cameron Norrie. Un filotto impensabile fino a poche settimane fa, durante le quali lo spagnolo preparava il rientro alle gare dopo l’infortunio che lo aveva tenuto lontano dal campi fin dall’agosto scorso quando era stato battuto da Lloyd Harris a Washington.

Che numeri

—  

Da allora Rafa ha giocato 15 match vincendoli tutti con un bilancio di 37 set vinti e 6 ceduti: uno a Khachanov, uno a Berrettini, due a Shapovalov e due a Medvedev. Mai in passato Nadal era riuscito a vincere i primi 15 incontri della stagione. Rafa ha ottenuto queste 15 vittorie battendo 3 top 10 e 7 top 50. In passato Rafa si era fermato a quota 11 nel 2014 quando vinse Doha e perse in finale a Melbourne da Wawrinka. La classifica Atp esprime da sempre il rendimento di un tennista nell’arco delle precedenti 52 settimane (anche di più durante il Covid) e per questo Medvedev è legittimamente il numero 1 del mondo con appena 150 punti di vantaggio su Novak Djokovic. Rafa sale al quarto posto a 2100 punti di distacco dal russo. Ma nella race Nadal è ampiamente il più in forma e vincente del momento. Lo spagnolo ha già in cascina 2.750 punti, oltre mille in più di Medvedev che è secondo con 1.675 punti. Terzo è Felix Auger-Aliassime con 1.400, quarto Tsitsipas e quinto Rublev. I quindici successi consecutivi d’inizio stagione di Rafael Nadal ci suggeriscono di andare a sviscerare questo particolare record per scoprire che le migliori cinque serie iniziali di vittorie dell’Era Open appartengono a John McEnroe, Novak Djokovic, Bjorn Borg e Ivan Lendl.

42

—  

Le vittorie iniziali record di John McEnroe ottenute nel 1984. L’americano vinse 3 partite al Masters, poi 5 a Filadelfia, 4 a Richmond, 2 in Coppa Davis, 5 a Madrid, 5 a Bruxelles, 3 a Dallas, 5 a Forest Hills, 4 nella Coppa delle Nazioni a Dusseldorf e 6 al Roland Garros. Il 10 giugno 1984, a sei mesi dall’ultima sconfitta subita contro Wilander nella semifinale dell’Open d’Australia del dicembre 1983, McEnroe perse in cinque set contro Ivan Lendl, dopo essere stato avanti prima di due set e poi di un break nel quarto set (4-3 palla del 5-3, e poi 4 pari palla break per andare a servire per il match).

41

—  

Le vittorie iniziali di Novak Djokovic centrate nel 2011. Il serbo vinse 7 partite all’Open d’Australia, 5 a Dubai, 6 a Indian Wells, 6 a Miami, 3 a Belgrado, 5 a Madrid, 5 a Roma e 4 al Roland Garros. Il 3 giugno 2011, a cinque mesi e mezzo dalla sconfitta subita contro Federer nella semifinale delle Atp Finals del novembre precedente, Djokovic perse in quattro set contro Roger Federer in semifinale al Roland Garros al termine di un match spettacolare.

31

—  

Le vittorie iniziali di Bjorn Borg ottenute nel 1980. Lo svedese vinse 5 partite al Masters del Madison Square Garden, poi 2 alla Pepsi Grand Slam Cup, 6 a Salisbury, 5 a Nizza, 5 a Monte Carlo, 5 a Las Vegas e 3 alla Coppa delle Nazioni di Dusseldorf. Il 10 maggio 1980, a 8 mesi dall’ultima sconfitta subita a settembre 1979 nei quarti dell’Open degli Stati Uniti contro Roscoe Tanner, Borg perse in semifinale da Guillermo Vilas per 6-3 1-6 6-1. Quella sconfitta arrivò dopo 48 successi consecutivi che rappresentano la seconda più lunga striscia dell’era Open dopo le 49 che lo stesso Borg aveva centrato nel corso del 1978.

29

—  

Le vittorie iniziali di Ivan Lendl ottenute nel 1986. Il ceco vinse 4 partite al Masters di New York, 4 a Filadelfia, 7 a Boca West (l’allora sede del Masters 1000 di Miami), 5 a Milano, 5 a Fort Myers e 4 a Chicago. Il 30 marzo 1986 Lendl fu sconfitto da Boris Becker per 7-6 6-3 nella finale di Chicago.

26

—  

Le vittorie iniziali di Novak Djokovic ottenute nel 2020. Il serbo vinse 6 partite alla Atp Cup, 7 all’Open d’Australia, 5 a Dubai, 5 a Cincinnati e 3 all’Open degli Stati Uniti. Il 6 settembre 2020, a quasi 10 mesi dalla sconfitta contro Federer nel round robin delle Atp Finals 2019, Djokovic venne squalificato negli ottavi di finale dell’Open degli Stati Uniti per aver colpito con una pallata una giudice di linea durante l’ottavo di finale contro Pablo Carreno Busta.

We would love to give thanks to the author of this post for this remarkable content

Medvedev n.1, Nadal di più: già 15 vittorie nel 2022, anche se McEnroe e Djokovic…

Debatepost