Treviso ci prova, Tolone si sveglia e se ne va: 36-17 e quarti in tasca

In Francia il Benetton rimonta da 17-3 a 17-17 al 61’, poi il piede di Carbonel e la meta di Coulon chiudono il match

Troppo Tolone per un ottimo Benetton, che cede al Felix Mayol per 36-17. Si infrange dunque agli ottavi di finale il sogno Challenge Cup di Treviso, che esce comunque a testa alta dall’Europa. Non è bastata la grande reazione del secondo tempo, con cui i leoni sono rientrati sul 17 pari dal 17-3 in favore dei padroni di casa, prima dell’assolo di Carbonel e la meta di Coulon.

Primo tempo

—  

Tornano nei XV Rhyno Smith e Tomas Albornoz, e l’inizio per il Benetton non poteva essere dei migliori. E’ un grabber proprio dell’estremo sudafricano a causare un in avanti di Villiere dentro ai 5 del Racing, fornendo un’ottima base per la mischia in favore di Treviso. Nonostante un fallo in favore dei padroni di casa, i biancoverdi rimangono dentro la zona rossa, sfruttando un errore di Tolofua per piazzare l’illusorio 0-3 con il piede di Smith. La reazione dei transalpini non tarda ad arrivare, con uno schema da rimessa laterale che favorisce un buco difensivo in cui si infila prontamente Carbonel, bravo a servire Villiere che schiaccia in mezzo ai pali il 5-3, poi trasformato in sette punti proprio dall’apertura di Tolone. Treviso tenta di riprendere in mano la partita, commettendo tuttavia troppi falli che permettono a Tolone di risalire il campo. Al 28’, la seconda segnatura per i padroni di casa, che approfittano di un’altra distrazione della linea difensiva con Ollivon per il 14-3. Pochi minuti dopo, il Benetton avrebbe una buona opportunità dentro i 22 avversari, ma il pack di Tolone è perfetto nell’ingabbiare il portatore di palla trevigiano, forzando un turnover. Sono ancora i falli a condannare Treviso nel finale della prima frazione, con i padroni di casa che piazzano il 17-3 con Carbonel e vanno al riposo in superiorità numerica complice il giallo a Caparro dopo i tanti richiami dell’arbitro Dickson.

Secondo tempo

—  

Coach Bortolami prova a rimescolare le carte tra gli avanti inserendo Nemer ed Els all’intervallo, seguiti a ruota dall’ingresso di Pettinelli per l’infortunio occorso a Sebastian Negri, ma le difficoltà permangono, soprattutto a causa dell’inferiorità numerica. Con il passare dei minuti, i biancoverdi ritrovano gioco, disciplina e coraggio. Una fiammata di Ioane riporta il Benetton dentro ai 22 dei francesi, ma la difesa di Tolone sembra reggere il primo impatto, almeno prima che Albornoz di prepotenza schiacci il 17-8, annullato per un’ostruzione di Smith ai danni di Villiere. Ma Treviso non molla, anzi, si ripresenta in area di meta pochi minuti dopo con Menoncello, servito nello stretto da Brex; Smith firma il 17-10 che regala ancora speranza ai biancoverdi. Al 61’, Ioane intuisce la direzione del passaggio di Blanc, rompendo il tentativo di placcaggio di Wainiqolo e involandosi indisturbato verso la meta, trasformata da Smith per il 17-17. È Carbonel a restituire le certezze del primo tempo a Tolone con tre calci che riportano i padroni di casa oltre il break tra il 63’ ed il 73’. Nel finale, è ancora l’apertura dei francesi ad arrotondare il punteggio sul 29-17, prima della meta di Coulon che appone il punto esclamativo sul match per il 36-17 con cui si chiude la contesa.

We want to give thanks to the author of this write-up for this amazing content

Treviso ci prova, Tolone si sveglia e se ne va: 36-17 e quarti in tasca

Debatepost