Quarti playoff, Monza e Scandicci senza problemi in gara 1

Successi senza troppi patemi per brianzole e toscane contro Chieri e Busto Arsizio

Dopo le vittorie di ieri di Conegliano e Novara su Firenze e Cuneo, si è completato oggi il quadro di gara 1 dei quarti dei playoff di volley femminile con i successi di Monza e Scandicci su Chieri e Busto Arsizio.

Monza-Chieri 3-0 (25-23 25-20 25-13)

—  

Monza mura Chieri in gara 1 dei quarti playoff, liquidandola per 3-0. Un risultato impressionante, contando le difficoltà, non poche, patite in avvio dalle ragazze di Gaspari. Poi, dal secondo timeout, un cambio di marcia repentino, guidato da capitan Danesi (8 muri alla fine per lei) e dagli attacchi di Van Hecke, con Orro che manda in doppia cifra 4 giocatrici (Van Hecke 14, l’Mvp Danesi 13, Larson 12, Rettke 11) lasciando Gennari a 9. Per Chieri, ottima partenza di Grobelna e Cazaute (chiuderanno entrambe a 12), ma la belga si perde a lungo andare, mentre la francese alla fine è la migliore, ma ricezione e attacco non permettono alla squadra di girare. Chieri conferma le difficoltà in trasferta contro le squadre qualificate ai playoff (solo sconfitte, anche se proprio a Monza vinse qualificandosi alle Final Four di Coppa Italia che non disputò causa Covid). Per Gaspari c’è ancora Van Hecke titolare opposta a Orro, con Gennari-Larson schiacciatrici, Danesi-Rettke al centro, Parrocchiale libero. Bregoli risponde con Bosio-Grobelna in diagonale, Cazaute e Villani in banda, Alhassan e Mazzaro centrali con De Bortoli libero. Avvio tutto di Chieri, avanti 4-9 e 9-15 con Cazaute e Grobelna protagoniste e Gaspari che deve spendere i suoi due timeout. Le locali, però, cambiano marcia, soprattutto con Danesi, che a muro fa il vuoto (4 al fine set), e l’attacco di Chieri crolla, con Monza che ringrazia portandosi sul 23-20. Le ospiti annullano due timeout, ma al terzo tentativo Larson chiude 25-23 per l’1-0 nonostante gli 11 errori commessi (contro 3). Monza tiene l’inerzia (3-0, altro muro di Danesi), e conserva il tesoretto per metà set. Dal 12-10, allungo del Vero Volley, con Orro che coinvolge le centrali in attacco, Van Hecke e Larson sempre precisa e le rosazzurre volano 20-12. C’è Frantti per Villani, ma non basta, perché Grobelna cala e Cazaute è sola contro le mani a rete di Danesi (altri 3 muri, 7 in 2 set). La francese (e Alhassan) provano a ricucire (20-16), ma Monza chiude 25-20 per il 2-0. In campo ci sono solo le brianzole, capaci di scappar via 11-3 in avvio del terzo set (2 ace di Orro e 4 punti di Rettke). Troppo per Chieri, nonostante un paio di attacchi di energia di Frantti, e Monza chiude 25-13 e 3-0.

Scandicci-Busto Arsizio 3-0 (25-20, 28-26, 25-13)

—  

Parte con il piede giusto in questi play off la Savino Del Bene Scandicci che supera nettamente, in gara 1 dei quarti di finale, l’Unet E-Work Busto Arsizio. Un 3-0 che non lascia spazio a repliche quello messo a segno dalla formazione di Barbolini che ha controllato bene il gioco nel primo set, ha dovuto combattere fino all’ultimo nel secondo e ha dominato letteralmente nel terzo. Busto paga ancora il fatto di non avere moltissime certezze in cabina di regia, senza Poulter e con la nuova alzatrice Mayer che deve trovare l’intesa con le compagne. Senza contare che ha subito troppo il gioco delle avversarie commettendo molti errori col primo tocco. Bene tutta la squadra di Scandicci che è partita subito forte, sfruttando il servizio di Lubian e le difficoltà in ricezione di Gray per allungare. Stevanovic e Olivotto non hanno saputo sporcare o bloccare le traiettorie offensive delle avversarie che hanno chiuso sul 25-20 la prima frazione. Il secondo set è stato quello decisivo per la vittoria delle padroni di casa, perché le farfalle hanno provato a reagire, ci hanno messo molto carattere e hanno provato a tirare fuori gli artigli affidandosi a Mingardi e Gray in attacco e ai tocchi, d’esperienza, di Bosetti. Dopo aver annullato quattro set point è arrivata però la resa sull’attacco di Pietrini che ha determinato il 28-26. Nel terzo invece, come detto, non c’è stata gara. Musso ha inserito Herrera-Blanco prima, poi Ungureanu e Bressan nel finale. Tutto inutile, ormai il morale della sua squadra era già sotto i tacchi da un bel pezzo. Mentre a Pietrini, Natalia, Antropova, Lubian e Alberti tutto è andato per il verso giusto. Meriti ovviamente vanno dati anche a Malinov, perfetta in regia, e Castillo in difesa. Ora Busto ha bisogno di una bella reazione se non vuol finire subito fuori dai giochi. A metà settimana squadre nuovamente in campo per gara due e stavolta il fattore campo sarà a favore delle bustocche.

We wish to give thanks to the writer of this short article for this incredible web content

Quarti playoff, Monza e Scandicci senza problemi in gara 1

Debatepost